La giocata collettiva indipendente è un modo intelligente per socializzare, per condividere in gruppo gli effetti positivi del gioco più antico, il lotto. La scintilla è data dalla vincita costante di uno o più partecipanti, producendo gioia e soddisfazione nelle squadre che si andranno a formare.

 

Un team di appassionati, pur nella loro riservata ed indipendenza di gioco, uniti sfidano l’avversario, il banco. Nonostante le poche chance, contro ogni aspettativa, l’iniziativa, controbatte il banco con la sua stessa arma, i numeri. Non un semplice metodo, non una cabalistica osservazione soggettiva, ma una genialità matematica scoperta nel caos.

 

La nuova applicazione, della serie “le possibilità impossibili “, permette anche di non cadere nei tranelli del gioco stesso, aggravato dai vantaggi che sono stati stabiliti per far cassa, garantendosi un introito costante, con una ridistribuzione economica minima per i giocatori, fuori dai canoni probabilistici di equità, incrementando “ l’infezione “ alla ludopatia.

 

Ma i “VIRUS” si possono contrastare, per una equa sopravvivenza e se la speranza è l’ultima a morire, noi vogliamo seguire quella che non ci farà tanto soffrire, ovvero, il valore atteso, quella speranza matematica dove tutti potranno essere felici di avere vinto anche poco, ma almeno  una volta nella vita. Il modello matematico creato, tende a sviluppare una gestione intelligente delle formule in esso contenute, fornendo equilibrio, equità, giustizia sociale, ove tutti ne hanno un equo vantaggio da seguire, da studiare per poterlo applicare anche in altre tematiche simili a vario titolo e per vari scopi. Poiché nei cinque estratti vi è l’opera mia, forza e virtù che forma l’armonia, somma, unisci, dividi e sarà fatto. I “ NUMERI “ gli elementi più vicini al “ CREATORE “ che sotto lo stesso tetto, uniti, organizzano la vita nell’universo.

                                                                                                                                                                                       © Bor Lauei Gin